Come vivere in maniera equilibrata in un mondo "squilibrato"?

di Connley Britt Skeen

di Connley Britt Skeen

Tradotto per l'Italia dal seguente link https://www.leaderinme.org/blog/how-do-we-balance-our-lives-in-a-very-unbalanced-world-part-2/

Quanti di noi erano già in crisi prima che ci venisse detto di chiudere le scuole, annullare gli eventi sportivi, universitari, culturali, le cerimonie di laurea, interrompere e chiudere attività?

Le nostre scelte (e il cambiamento che ne deriva) definiscono la natura stessa del nostro successo nella vita o le potenziali buche che intralciano il nostro ritmo.

Abbiamo tutti sentito persone nella nostra vita lamentarsi della moltitudine di compiti che devono svolgere in un determinato giorno. Potremmo aver pensato che tutto ciò che hanno realizzato o in cui si sono impegnati in definitiva era una loro scelta.

Quando esamini il lavoro del Dr. Covey in Habit 1, Sii proattivo, vedi subito quanto sia facile sentirsi perseguitati da compiti semplici, crisi non pianificate e anche solo dalla routine quotidiana.

Mi sono ritrovato a guardare il mio calendario e i miei programmi e a volte mi sento perseguitato da eventi quotidiani che sono in conflitto con cose che potrei davvero voler fare.

Esercizio rapido: voglio che tu ripensi a qualsiasi riunione a cui hai partecipato nell’ultimo anno. Supponiamo che, per una di queste riunioni, avessi il timore che potesse diventare una perdita di tempo. Nonostante ciò, hai deciso di andarci comunque in quanto era prevista la tua presenza. Hai fatto una scelta, ma sapevi che avresti preferito impiegare quel tempo diversamente. Sei andato alla riunione perché ritenevi che le conseguenze della mancata partecipazione ad essa superassero il tempo che avresti potuto risparmiare. In conclusione hai scelto di andare. Allora, dove ci porta tutto questo? Ad essere perennemente braccato e frustrato?

Possiamo affidarci al Dr. Covey e alle Habits per un aiuto:

Se non possiamo aggiustare o cambiare la situazione, dobbiamo abbracciarla.

Puoi iniziare con la tua cerchia di influenza e poi, con le riunioni che pianifichi.

Chiediti: “Quando organizzo una riunione o un evento, tutti i partecipanti sanno davvero il “perché” dietro questa scelta e il loro ruolo durante la partecipazione?” Il “perché” dovrebbe essere lo spirito dell’incontro e il motivo per cui le persone scelgono di partecipare.

Spesso tendiamo a dare troppo peso e importanza a scelte superficialmente banali. Hai un incontro? Vai e basta. Hai un appuntamento dal dentista? Vai e basta.

Tuttavia, questo non conta. Ciò che conta è il modo in cui ti comporti mentre svolgi compiti o eventi che non ti piacciono o che temi dimostri il tuo carattere a coloro che ti circondano.

La vita non è sempre giusta e ogni professione ha incontri, attività e momenti dell’anno che sembrano essere più frenetici di altri.

Ad esempio, non voglio essere un commercialista nel periodo delle dichiarazioni dei redditi, proprio come non vorrei lavorare in un negozio al dettaglio a dicembre.

Lo stesso vale per l’istruzione. Lo stress e la pressione della fine dell’anno scolastico o durante la “stagione dei test” sono momenti in cui potremmo mettere in discussione la nostra scelta di essere educatori.

Vale la pena ricordare, in questi momenti di frustrazione, il “perché” che ti ha portato a insegnare in primo luogo. Usalo per guidare ciò che hai scelto di fare. In questo modo, controlli ciò che fai e esci da una situazione che altrimenti potrebbe farti sentire impotente. Così facendo, stai anche – si spera – aiutando te stesso a reagire in modo positivo e appropriato all’incontro e alla tua partecipazione ad esso.

Ora, ripensa a quella temuta riunione a cui non volevi partecipare. Se quell’incontro fosse stato la prima o l’unica volta in cui qualcuno abbia interagito con te, come si sarebbe ricordato di te? Come avrebbero visto i tuoi studenti il ​​tuo comportamento e/o il tuo comportamento se ti avessero visto in quella riunione?

Il modo in cui ti comporti e interagisci è direttamente collegato alle tue scelte.

Ora, pensa ai principi che ammiri negli altri o in te stesso.

Il Dr. Covey definisce i principi come senza tempo, immutabili e costantemente rilevanti, indipendentemente dal fatto che li accettiamo o addirittura li comprendiamo in primo luogo. Sono la lingua universale del mondo.

Ad esempio, la storia ci ha insegnato che il principio di integrità e che la sua definizione è rimasto immutato dall’inizio dei tempi, in ogni singolo angolo del mondo. Lo stesso vale per l’onestà, la pazienza, l’empatia, ecc.

Se hai vicino la tua guida per i partecipanti “The 7 Habits of Highly Effective People”, vai a pagina 13 per vedere esempi di principi che si allineano direttamente con ciascuna delle 7 abitudini. È importante ricordare la connessione tra i principi senza tempo e le 7 abitudini. Ad esempio, Essere Proattivi, ha lo stesso significato e la stessa connotazione dell’assunzione di responsabilità o dello spirito di iniziativa.

Quando usi le Abitudini per agire all’interno del tuo cerchio di influenza, hai lo spazio per reagire in allineamento con i principi che sono più importanti per te. In tal modo, trasmetti quei principi (e il tuo carattere) a coloro che ti circondano.

Negli ultimi tempi, a causa della pandemia, quando il nostro mondo è diventato improvvisamente molto sbilanciato, quanti di noi erano preparati per ciò che si è svolto durante quel periodo?

Pensa a tutti i cambiamenti avvenuti nella tua vita personale e professionale.

Il mondo che conoscevamo prima della pandemia, sotto molti punti di vista, era ed è totalmente irriconoscibile.

Spero che tu ricorda sempre come ti sei sentito quando la situazione è “migliorata” e il mondo ha iniziato a bilanciarsi nuovamente e ci siamo subito riabituati alle cose che abbiamo sempre dato per scontate.

Spero che tutti possiamo usare questa esperienza per crescere, in modo da essere più consapevoli del valore che diamo alle nostre vite, al nostro tempo, in modo da essere più resilienti quando le cose sono difficili o avverse e più a nostro agio con la crescita che il cambiamento richiede a tutti noi.

Mio nonno materno mi diceva sempre: “Connley, il cambiamento accadrà, ma la crescita è una scelta facoltativa“. Come sceglierai di crescere oggi? Quante delle tue 1000 scelte quotidiane produrranno crescita? E come puoi usare i principi fondamentali della tua vita per aiutare a stabilizzare il tuo processo decisionale quotidiano, che si tratti di una riunione scolastica, seduto su una poltrona del dentista o di iniziare e/o portare a termine un regime alimentare?

 

E, soprattutto, come equilibrerai la tua vita in un mondo molto sbilanciato?

Share